Kia Ora Viaggi blog

Tatau Maohi: il tradizionale tatuaggio polinesiano

Data: // Author: Kia Ora Staff

Nella tradizione dell’antico popolo polinesiano, tutta la conoscenza veniva trasmessa oralmente. Il tatuaggio, chiamato tatau, era l’unica forma scritta con cui ognuno poteva esprimere la sua identità e conoscere quella degli altri. Questi segni e simboli potevano far intuire la classe sociale, l’età, la maturità sessuale e la genealogia di una persona.

All’inizio della pubertà, sia i ragazzi che le ragazze venivano ritenuti pronti a ricevere il loro primo tatuaggio. Questo rappresentava molto più che un semplice disegno: era infatti un rito di passaggio dall’adolescenza all’età adulta, che introduceva ufficialmente i ragazzi e le ragazze nella comunità. Dopo il primo tatuaggio, altri potevano essere aggiunti durante gli anni, a seconda dell’evoluzione della persona e del suo grado di maturità nella società.

Facilissimo quindi intuire che ogni tatuaggio aggiunto al primo rappresentava un simbolo di grande prestigio, forza, potere, ricchezza. Guerrieri potenti e ricchi capi erano infatti tatuati molto spesso dalla testa ai piedi.

L’antica tradizione del tatuaggio polinesiano non si è spenta nei secoli, ma ancora oggi continua a vivere e a mantenere unità l’identità del popolo della Polinesia. Il tatuaggio tradizionale si è evoluto con il passare dei secoli, modernizzandosi ma mantenendo sempre il suo particolare stile: unico e senza tempo.

I motivi più tradizionali sono legati alla terra, al cielo, all’oceano. Animali marini o legati al mare, come per esempio squali, razze, delfini, mante, ma anche tartarughe, uccelli e geki, sono tra i leitmotiv del tatuaggi polinesiani, ma troviamo anche vari tipi di fiori, incluso il famoso tiare, ma anche il tipanier (frangipani) e l’hibiscus.

Tipico tatoo realizzato da Mana’o Tatoo Studio di Tahiti

Tipico tatoo realizzato da Mana’o Tatoo Studio di Tahiti

Molto spesso questi motivi sono intrecciati e mescolati a forme geometriche, che donano quel “tocco finale polinesiano” al tatuaggio nel suo insieme. Sono simboli affascinanti, leggeri, definiti e sempre con un loro preciso significato, intriso di tradizione e spiritualità. Le spirali, per esempio, richiamano al mana, l’energia vitale che scorre in ogni persona e nella terra di Tahiti. Forme triangolari rappresentano invece i denti dello squalo, simbolo di coraggio e forza interiore, mentre forme circolari circondate da raggi riprendono ovviamente la simbologia solare di vita e calore. Forme umanoidi, ancora, richiamano la faccia e il corpo del tiki, spiriti divini polinesiani spesso rappresentati nelle tradizionali statue di pietra o legno.

Un tatuaggio polinesiano non è una semplice decorazione da esibire, ma una vera e propria esperienza a tutto tondo, che racconta la vita di chi lo porta, la sua storia e le sue aspirazioni. Questa esperienza inizia con un racconto della propria vita all’artista tatuatore, che vi guiderà nella scelta del motivo migliore per voi e dei simboli tradizionali che lo accompagneranno. L’artista andrà poi a disegnare a mano e mente libera, su foglio o direttamente sulla pelle il vostro tatuaggio personalizzato che, se vi piacerà, potrà poi diventare una permanente parte della vostra vita, e un ricordo veramente speciale del vostro viaggio in Polinesia.

Se anche voi desiderate coronare il sogno di portare a casa un tatau maohi, contattateci e potremo aiutarvi a costruire il vostro speciale viaggio in Polinesia!