Kia Ora Viaggi blog

Australia: la Grande Barriera Corallina, consigli per visitarla

Data: // Author: Kia Ora Staff

Se stai pianificando un viaggio “downunder” sicuramente avrai immaginato, visto o letto qualcosa al riguardo: la Great Barrier Reef è uno degli ecosistemi corallini più grandi al mondo, che si estende al largo della costa del Queensland per oltre 2.000 chilometri.
È una delle meraviglie d’Australia e per apprezzarla al meglio è consigliabile organizzarne la visita valutando alcuni aspetti:

Quando andare?

Il periodo migliore per visitare la Grande Barriera Corallina va all’incirca da Aprile/Maggio ad Ottobre/Novembre (stagione tropicale meno piovosa).
Luglio e Agosto possono essere un po’ freschi per le attività balneari, per cui se proprio scegli questi mesi cerca di preferire la zona più a nord.
Da Dicembre a Marzo è la stagione umida (con possibili cicloni) ed è anche il periodo a rischio meduse velenose, dalle quali proteggersi indossando appositi indumenti forniti durante le escursioni.

Dove andare?

Le principali zone di accesso alla Barriera sono:

  • nord: Cairns e dintorni (come Palm Cove e Port Douglas), isole raggiungibili da Cairns (come Fitzroy Island, Green Island e Lizard Island)
  • centro: costa e isole delle Whitsunday (Airlie Beach e Hamilton Island)
  • sud: atolli di Heron e Lady Elliott Island

Come visitare la Grande Barriera Corallina?

Il modo più semplice per ammirare la Grande Barriera Corallina  è fare un’escursione in barca di intera giornata, ma se sei un sub esperto ti consigliamo di optare per un’apposita crociera (di minimo 3-4 notti), in modo da raggiungere reef più remoti e incontaminati, con un programma che può prevedere fino a 4 immersioni al giorno (e quindi poco indicato ad eventuali compagni di viaggio non subacquei).
Le escursioni di intera giornata si distinguono principalmente in 2 tipologie: in catamarano o su piattaforma.

  • Le uscite in catamarano prevedono una giornata un po’ itinerante, generalmente con almeno due tappe di sosta per snorkeling/attività balneari, motivo per cui sono più indicate a chi non soffre il mal di mare e non ha difficoltà nell’entrare/uscire dall’acqua. Talvolta viene prevista anche una tappa su un isolotto sabbioso.

    Snorkeling nella grande barriera corallina australiana

    Snorkeling nella grande barriera corallina australiana

  • Le escursioni “su piattaforma” prevedono un trasferimento di almeno un’ora con catamarano veloce fino ad una struttura fissa ancorata sulla barriera corallina: una sorta di “parco giochi marino” dove trascorrere la giornata all’insegna di snorkeling, tour in barca con fondo di vetro e semi-sommergibile o semplice relax con vista sull’oceano e il reef.

Dalla piattaforma, come extra, si possono fare anche: sorvoli in elicottero (la vista della barriera dall’alto è mozzafiato!) e immersioni (incluse quelle facilitate con “elmo” e “snuba”, adatte anche a chi non l’ha mai fatto).

Questo tipo di tour è indicato a:
– chi non ha molta acquaticità (si può vedere il reef senza entrare in acqua e, rispetto ad un’imbarcazione, si ha più spazio e maggiore facilità di ingresso/uscita dall’acqua)
– chi vuole fare attività diverse o provare l’ebrezza di un’immersione, anche senza brevetto
– chi desidera fare un sorvolo panoramico sul Reef

Per avere accesso alla Barriera Corallina direttamente da un’isola/atollo bisogna optare per strutture 4/5 stelle (come Green Island e Lizard Island) o resort eco-naturalistici meno lussuosi (come Heron Island e Lady Elliott Island), mentre da isole come Fitzroy (vicino Cairns) e Hamilton Island (arcipelago Whitsunday) si possono fare escursioni al reef come quelle descritte prima, ma con trasferimento un po’ più breve grazie alla posizione dell’isola più avanzata rispetto alla partenza dalla costa.

Qualche altro elemento per scegliere..

Si è vero, le opzioni sono tante, ecco quindi qualche spunto:

  • Oltre alla Grande Barriera Corallina vuoi visitare anche la Foresta Pluviale?
    L’ideale è un soggiorno di 3/4 notti a Cairns, o dintorni, per combinare attività di terra a quelle balneari.
  • Preferisci una location di mare, fuori dalle città ma in contesto esotico e vivace?
    Hamilton Island è quello che fa per te e offre, oltre alla Grande Barriera Corallina, anche la possibilità di visitare la meravigliosa Whitehaven Beach!
  • Hai un budget ampio e cerchi qualcosa di più esclusivo?
    Considera la paradisiaca Lizard Island, raggiungibile con volo speciale da Cairns.

Ancora dubbi?
Contattaci e valuteremo assieme pro e contro di queste ed altre possibilità!